Premio Aacs di Roma edizione 2023

“AGiorgio Parisi, Nobel per la fisica, professore ordinario di Fisica teorica alla Sapienza di Roma, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, per aver inteso la scienza come una ragione di vita e come accesso alla conoscenza, strumento per comprendere fenomeni complessi dell’universo a partire dalla relazione tra gli esseri viventi e l’ambiente. Una conoscenza trasmessa come strumento per superare diseguaglianze e tutelare i più fragili, esprimendo l’urgenza di migliorare la “casa comune” con un impegno di solidarietà verso le generazioni future che non meritano certo di ricevere in eredità un mondo impoverito e sfruttato. E l’impegno del professor Parisi per la conoscenza si avvale della capacità di dire le cose, del linguaggio nitido della semplicità e dell’empatia che arricchisce il nostro bagaglio di strumenti per leggere e comprendere il mondo intorno a noi”.

E’ con questa motivazione che lo scorso 13 dicembre è stato assegnato al professor Giorgio Parisi il Premio Aacs di Roma 2023. Una edizione speciale per i 25 anni del Premio. Una cerimonia che si è svolta nella Sala Spadolini del Ministero della Cultura, essenziale e breve come è nostra tradizione, ma densa di contributi anche da parte di alcuni dei 104 premiati delle precedenti edizioni che hanno voluto inviare le loro riflessioni in occasione dei 25 anni del Premio. E’ così che si sono alternati i contributi di alcuni dei premiati delle precedenti edizioni: il cardinale Matteo Maria Zuppi, Gherardo Colombo, Lucia e Giulio Pirolo, Titti Postiglione della protezione civile  e Raffaela Milano direttore di  Save The Children.

L’edizione speciale dei 25 anni ha portato una novità: l’assegnazione di una borsa di studio. Iniziativa che ha trovato la generosa adesione dell’Università e-Campus. La borsa di studio è stata assegnata a Karolina Chernoivan, 23 anni, originaria dell’Ucraina e che nella sua patria svolge un lavoro molto speciale che richiede coraggio, collaborando come interprete per i giornalisti italiani, “accompagnandoli – racconta la stessa Karolina – nei luoghi più pericolosi per raccontare la cruda realtà del conflitto ucraino e dare voce alle persone che altrimenti sarebbero rimaste silenziose”. La borsa di studio assegnata le consentirà di proseguire in Italia gli studi universitari.
Il Premio è organizzato grazie al  sostegno di: Advenia, Cam, e-Campus, Fondazione Di Liegro.

In questa edizione speciale per i 25 anni del Premio, abbiamo avuto la partecipazione del sindaco Roberto Gualtieri che ha accettato il nostro invito e ha voluto essere presente alla cerimonia. “AACS è per noi un pungolo e al tempo stesso un pilastro – ha sottolineato Gualtieri – nella sfida difficilissima e complicata di non limitarsi a proteggere il Centro Storico di Roma e il suo patrimonio storico e artistico ma reintegrarlo nel tessuto della città, proteggere le attività economiche e turistiche ma anche la vita dei suoi abitanti. Il nostro obiettivo è portare i servizi nelle periferie e riportare gli abitanti in centro”.
Anche il Presidente della Regione Lazio ha voluto inviarci un messaggio di augurio per il Premio e per l’attività che svolge l’associazione. (aacs)

Leggi altre notizie

E la domenica si studia al museo

Si può studiare al museo in un'aula aperta anche la domenica? Ora si può, con il primo esperimento avviato a Palazzo Braschi.

Tva, e ora il dibattito

Per il momento è una sigla e un progetto. Se diventerà anche una infrastruttura reale lo dirà il tempo. Ora è la fase del dibattito pubblico.

L’Otto, di nuovo

E' ripreso a gennaio il cantiere per la sostituzione dei binari lungo il tram 8. Dal lungo cantiere avviato nel 2022 era rimasto fuori qualcosa: Ponte Garibaldi.

Premio Aacs di Roma edizione 2023

Lo scorso 13 dicembre si è svolta la 25esima edizione del Premio Aacs di Roma. Un'edizione speciale che ha visto anche il varo di una nuova iniziativa.