Il cuore che accoglie

Chissà quante volte passando per piazza Sant’Eustachio, molti si saranno chiesti “e tutte queste persone in fila? E i tavoli dentro la chiesa?” I senzatetto in fila e la mensa – anche nei sotterranei della basilica, con docce e lavanderia – erano il risultato di un’idea semplice, grandiosa e rivoluzionaria: accogliere tutti i giorni dentro una chiesa (e in fondo, nella Chiesa) chi non ha cibo, non ha casa, non ha famiglia.
Non ha nulla, se non appunto una chiesa e un prete, don Pietro Sigurani, pronto ad accoglierlo e sfamarlo. Don Pietro è scomparso questa estate, il 4 luglio, all’età di 86 anni. Ora è già settembre, ma noi vogliamo ancora ricordare l’uomo e le sue opere. Don Pietro era il Rettore della Basilica di Sant’Eustachio che dal 2018 aveva trasformato in una “Casa della Misericordia”.

Sino allo scorso anno quando, sollevato dall’incarico di Rettore, quest’uomo sorridente e gioioso aveva dovuto rinunciare al luogo, senza però abbandonare il progetto che è proseguito nella vicina via Monterone, grazie alla disponibilità di uno storico ristorante. E ora che lui non c’è più, l’accoglienza andrà avanti con il lavoro dei volontari che nel tempo si sono avvicinati alla sua opera di carità. Ogni giorno un pranzo per 150 persone: a questo ha contribuito, nel suo piccolo, anche il Carrello del Sorriso di Aacs che nel tempo ha voluto essere sostegno, tra i tanti, all’attività di Padre Pietro.

Leggi altre notizie

Fiori dall’asfalto

Prima le modifiche, poi la presentazione in Giunta. Nuovo passo avanti per la realizzazione del giardino sopra al parcheggio di via Giulia, da anni in attesa di diventare realtà.

Santi e dissestati

Manutenzione. Sembra essere la nuova parola d’ordine della città: per linee tramviarie, metro, ponti, viabilità, edifici. Tutto, tranne le strade e stradine del Centro dove i sanpietrini proseguono lentamente nel loro processo di dissesto.

Una goccia nel mangia&bevi

Via dei Barbieri, Rione Sant'Eustachio. Una piccola strada che da via Monte della Farina e dal dedalo interno del rione sfocia su largo Argentina e sull’Area Sacra. Una stradina silenziosa dove si trova l’ingresso degli artisti al Teatro Argentina e che purtroppo non è stata graziata dalla presenza dei tavolini.

Il cuore che accoglie

Chissà quante volte passando per piazza Sant’Eustachio, molti si saranno chiesti “e tutte queste persone in fila? E i tavoli dentro la chiesa?”